L’ALTRA META’ DELL’OFFICINA: COLLETTIVA IN ROSA

Uno scorcio della mostra

PIACENZA. “L’Altra metà dell’Officina” è il titolo della mostra collettiva che si apre sabato, 2 marzo, alle 17,30 all’Officina dell’Arte di Piacenza. L’esposizione, allestita nella sala del sodalizio di Via Alberoni 14, è visitabile gratuitamente fino al 19 marzo.

Si possono ammirare i dipinti di Milena Bassi, Alessandra Bassi, Piera Biavati, Iolanda Bocelli, Elena Bolledi, Donatella Carino, Francesca Cassinari, Maria Cristina Fiorentini, Liliana Gazzola, Vittoria Groppi, Paola Mazzoni, Maraiteresa Nagel, Sara Solenghi e Maurizia Meli.

Le mostre di donne pittrici mettono in luce una vasta gamma di temi e stili artistici. Dall’espressionismo al realismo, dall’arte concettuale al surrealismo, queste mostre offrono una panoramica completa della creatività femminile.

Le opere esposte esplorano diversi soggetti come identità, natura (con paesaggi e scorci) e spiritualità, offrendo un’opportunità per il pubblico di esplorare nuove prospettive e riflettere su questioni importanti.

Questo tipo di mostre non solo onorano il loro contributo all’arte, ma anche il loro impatto duraturo sulla cultura e sulla società.

È fondamentale continuare a sostenere e promuovere l’arte delle donne, sia attraverso mostre dedicate che attraverso un’integrazione più ampia nelle e nei musei tradizionali.

Solo attraverso un impegno continuo per la diversità e l’inclusione possiamo garantire che le voci delle donne nell’arte non solo siano ascoltate, ma celebrate e rispettate. Ed è per questo che la mostra piantina merita davvero una visita.

SIMONE FAPPANNI