TAVOLOZZE ROSA: UNO SGUARDO SULLE GRANDI ARTISTE IN UN LIBRO

La copertina del volume con un’opera della pittrice Elena Bianchi

MILANO. Esce in questi giorni, in edizione riveduta e ampliata, il volume “Tavolozze rosa”, dedicato alle grandi artiste nella storia dell’arte.

Il volume, curato da Simone Fappanni, si avvale, in copertina, dell’opera di Elena Bianchi dal titolo Senza pensieri

L’arte al femminile compone idealmente una delle pagine più dense e significative dello sviluppo della creatività nel campo delle Beaux Arts.

In questa pubblicazione, che si apre con un omaggio ad Artemisia Gentileschi, si propone una sintesi concettuale dello sviluppo dell’arte delle donne che hanno oerato nel campo della pittura dal Cinquecento a oggi, con particolare riferimento alle italiane che si sono distinte nell’elaborazione di percorsi stilistici originali ed autonomi.

Trattandosi di una sinossi, lo scopo di fondo non è quello di pervenire a una disamina esaustiva di tutte le artiste che hanno operato nei periodi precedenti al nostro e di quelle che sono tuttora in attività, quanto piuttosto cercare di coinvolgere il lettore in un “percorso” che è tuttora in divenire.

Per queste ragioni il libro è stato suddiviso in cinque parti. La prime quattro sono di carattere prevalentemente sinottico, e si articolano in saggi riguardanti le Artiste italiane del Cinquecento e del Seicento (Elena Gavazzi), del Settecento (Marcello Tosi), dell’Ottocento (Marcello Tosi) e sulle Artiste del Novecento e d’oggi (Simone Fappanni), con l’analisi di alcune opere esemplari, mentre nell’ultima, intitolata Ricerche, vengono promossi breve percorsi di approfondimento su specifiche tematiche (Simone Fappanni).

Info: fappanni71@gmail.com