ERNESTO ROVERSI ALLA GALLERIA ROSSI-ANDREATTA

Ernesto Roversi, Natura morta, olio su tela, courtesy of the artist

PREDAZZO. Gli spazi della Galleria Rossi – Andreatta, in via Garibaldi 94, ospitano, fino al 31 agosto, la nuova mostra personale del pittore Ernesto Roversi.

Allievo del maestro Franco Bertulli, utilizza diverse tecniche esecutive: dalla matita alla pittura ad olio, passando attraverso il pastello. I suoi soggetti spaziano dal paesaggio alla natura morta, fino al ritratto e al quadro d’occasione, come la serie dedicata alla Mille Miglia, la storica gara automobilistica che l’artista ha ritratto con altrettanta passione.

Ama dipingere en plein air, come facevano i pittori dell’Ottocento, ma la sua pittura ha una freschezza e una modernità intensa, contemporanea, pur rimanendo ben salda nel reale, visto ora con uno sguardo contemplativo ed estatico ora attraverso una concertata partecipazione. Ne escono dipinti di robusta consistenza espressiva che meritano grande attenzione.

Uno scorcio della rassegna, courtesy of the artist

Non a caso Roversi ha all’attivo numerose mostre personali e la partecipazione a rassegne e collettive, allestite in spazi spesso molto prestigiosi, come l’Associazione l’Altra Arte.

«La delicata consistenza che ammanta i quadri di Ernesto Roversi – spiega Simone Fappanni – nasce da una sincera ispirazione che lo induce a dipingere ciò che sente e sollecita la sua attenzione, non disdegnando di perseguire, peraltro con esiti alquanto rilevanti, i sentieri della sperimentazione. Senza, però, tradire mai se stesso, senza lasciarsi tentare da facili o improvvisate soluzioni meramente calligrafiche o strettamente decorative».